Attività e progetti

ATTIVITA’ E PROGETTI

ATTIVITÀ CURRICOLARI E ORGANIZZAZIONE  ORARIA

Nelle classi primarie e secondarie dell’Istituto si applicano le programmazioni derivate dalle indicazioni  ministeriali. Le programmazioni disciplinari sono a disposizione di chi le  volesse consultare presso il Dirigente Scolastico. Per quanto concerne l’organizzazione didattica si rimanda a quanto esposto nelle pagine dedicate alle attività dei plessi.

PROGETTI D’ISTITUTO L’Istituto promuove ed  attiva alcuni progetti, che di seguito si elencano, in quanto ritenuti di  rilevante interesse ed utilità per tutta la popolazione scolastica. Altri  progetti, rispondenti alle specifiche esigenze formative degli alunni di  ciascun plesso, vengono invece attivati nelle scuole che compongono l’Istituto  e sono riportati nelle pagine dedicate alle attività dei plessi.
Più Sport@ScuolaLa Regione del Veneto in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto, promuove il progetto “Più  sport @ Scuola” per incrementare le attività motorie-fisico sportive nelle  scuole, mettendo in contatto diretto i giovani con gli organismi sportivi del  territorio. Il Progetto si sviluppa avvalendosi degli insegnanti di educazione  fisica e/o diplomati ISEF o laureati in Scienze Motorie, per attivare sinergie  con federazioni sportive, enti di promozione sportiva, società ed associazioni loro affiliate al fine di realizzare una concreta azione di avviamento allo sport.
Spostamento Casa ScuolaNell’ambito del “Bando di finanziamento per la diffusione di azioni finalizzate al miglioramento della qualità dell’aria nelle aree urbane ed al potenziamento del trasporto pubblico rivolto ai Comuni non rientranti nelle aree metropolitane”,indetto nel 2009, il Comune di Treviso ha richiesto ed ottenuto un cofinanziamento da parte del Ministero dell’Ambiente con il progetto “Istituzione delle figure del Mobility Manager di area e aziendali del Comune di Treviso e delle strutture scolastiche firmatarie del protocollo di intesa per l’attuazione di interventi relativi alla mobilità sostenibile”. L’Amministrazione Comunale di Treviso, al fine di migliorare la sicurezza dei percorsi casa-scuola e di incentivare l’accessibilità alle strutture scolastiche in forma autonoma da parte degli studenti in collaborazione con tutti gli istituti scolastici delle scuole primarie e secondarie, le attività legate ai seguenti progetti:

Sicurezza In Cattedra“Sicurezza in Cattedra” è un modello didattico e gestionale ormai validato che le Reti considerano uno strumento strategico    per rispondere alle indicazioni dell’art. 11, commi 1c e 4, del D.Lgs. 81/08, sviluppare la cultura della sicurezza tra i nostri ragazzi e applicare la sicurezza in ambito scolastico.
“La Lingua Per Comunicare, La Lingua Per Studiare”, Laboratori di Insegnamento dell’italiano come Lingua SecondaL’Istituto organizza attività di laboratorio per l’apprendimento della Lingua italiana come lingua seconda (L2) in orario curricolare e soprattutto in  orario extracurricolare per tutti gli alunni e le alunne con cittadinanza non italiana.Gli obiettivi dei laboratori sono lo sviluppo delle competenze linguistiche necessarie al soddisfacimento delle esigenze comunicative di base (livello principianti)e l’incremento delle competenze linguistiche finalizzate al compimento delle operazioni cognitive complesse (livello intermedio). 
“Un Ponte Tra Culture” la Mediazione Linguistico-CulturaleAl fine di incrementare le possibilità di successo  scolastico, valorizzare le diversità culturali e linguistiche,favorire la conoscenza, da parte delle  famiglie, della struttura scolastica italiana, del percorso formativo seguito dall’alunno e facilitare la comunicazione  tra la comunità educante e le famiglie con cittadinanza non italiana, l’Istituto, avvalendosi della presenza di mediatori linguistico-culturali appartenenti a cooperative ed associazioni operanti nel territorio, realizza interventi di  mediazione. Essi si concretizzano nella partecipazione del mediatore a colloqui scuola-famiglia e in collaborazioni con gli insegnanti nella fase di accoglienza di alunni neo-arrivati. 
Integrazione Alunni Con DisabilitàL’istituto fa parte del Centro Territoriale per l’Integrazione delle persone con disabilità “Treviso Centro” che è stato istituito nel 2002 dalla Direzione Generale del Veneto, Area Interventi Educativi, e raggruppa in rete scuole, associazioni di volontariato, di categoria e di genitori, Enti Locali e servizi dell’U.L.S.S. presenti nel territorio del comune di Treviso. Il Centro si propone come punto di riferimento per  tutte le persone che operano nell’interesse dell’alunno diversamente abile, individuando necessità e promuovendo iniziative funzionali all’integrazione  scolastica.Il Centro è impegnato a rispondere alle esigenze delle scuole, dei docenti specializzati e non, delle famiglie e degli operatori, offrendo servizi di consulenza e materiale specialistico da poter utilizzare nelle attività didattiche quotidiane dalle scuole materne agli istituti superiori. 

RETI E CONVENZIONI

La costituzione di reti tra scuole consente di perseguire le finalità istituzionali unendo le risorse  professionali ed economiche per raggiungere specifici obiettivi comuni.

Rete Integrazione Alunni Stranieri

  • La rete costituita all’inizio del 2000 vede oggi l’adesione di 33 istituzioni scolastiche di diverso ordine e grado (dalla scuola dell’Infanzia alla scuola secondaria di 2° grado) e l’Istituto è capofila.
  • Finalità:
  • Promuovere e diffondere la cultura dell’integrazione, svolgendo una funzione di coordinamento delle esperienze, di consulenza e di documentazione.
  • Curare l’elaborazione di un progetto unitario di accoglienza e supporto agli alunni stranieri e alle loro famiglie che prevede il coinvolgimento dei Comuni, degli Enti Locali, delle Associazioni, delle Università e la formazione dei docenti.
  • Studiare i processi di integrazione e rimodulare gli interventi attraverso percorsi di ricerca-azione.

Risorse professionali e culturali Mediatori culturali e linguistici a scuola, formatori per genitori e docenti.

Risorse economicheFondi M.I.U.R., art.9 C.C.N.L 2007/2009, Regione Veneto, eventuali finanziamenti erogati da Enti Locali e dalle scuole aderenti, se deliberati dal Comitato di Rete e dai Consigli di Istituto.

 

ReteinfanziaLa scuola capofila di rete è L’I.C. di Silea e la Convenzione di rete è sottoscritta da istituzioni scolastiche.Finalità:

  • Migliorare, attraverso l’osservazione di diversi indicatori, la qualità dell’accoglienza, dell’integrazione, dell’intervento educativo e sociale, nelle scuole dell’infanzia, garantire il maggior benessere personale anche per contrastare il disagio scolastico;
  • sostenere l’osservazione, la documentazione, le attività di valutazione dell’efficacia dell’intervento educativo e accrescere la professionalità dei docenti attraverso interventi formativi ed azioni di consulenza e tutoraggio;
  • incrementare la pratica dell’autoanalisi, dell’autovalutazione anche attraverso il confronto fra tutte le scuole e    applicare, socializzare, diffondere la pratica della “ricerca-azione” in campo educativo.
Rete Di StoriaLa rete per la storia, formata da scuole primarie, secondarie di 1 e di 2 grado, da Enti, Istituzioni e Associazioni, conta complessivamente 22 Istituzioni scolastiche.Finalità

  • sostenere, favorire ed attuare strategie efficaci di insegnamento apprendimento
  • diffondere la ricerca storico didattica
  • allargare la comunità di insegnanti che attuanobuone pratichemetodologiche e    progettuali
  • migliorare l’offerta formativa delle scuole.

 

Rete Sicurezza

  • L’Istituto è iscritto alla RETE DI AGENZIE PER LA SICUREZZAche ha per istituto capofila l’I.T.I.S. “MAX PLANCK” di Lancenigo di Villorba (TV).
  • Finalità della Rete:
  • Sostenere iniziative e proporre attività per la promozione della cultura della sicurezza negli ambienti di lavoro, nelle scuole e tra i giovani lavoratori;
  • Offrire attività comuni per implementare, nella organizzazione interna delle diverse scuole, strumenti e procedure per la gestione della sicurezza;
  • Offrire servizi e strumenti di supporto,consulenza e tutoraggio,canali di comunicazione interistituzionale;
  • Promuovere, accompagnare la circolazione di iniziative di didattica e formazione che mettono in rapporto sui temi della sicurezza il mondo dell’istruzione con quello della formazione professionale e del lavoro.

Risorse I fondi per le attività e per gli impegni professionali sono deliberati di anno in anno dai Consigli di Istituto di ogni scuola    aderente.

 

Rete CTI(Centro Territoriale per l’Integrazione degli alunni disabili) Comprende 28 scuole di ogni ordine e grado della Città collegate in rete secondo un protocollo di intesa che consente di svolgere un’azione comune a favore della soluzione di problematiche inerenti l’integrazione degli alunni disabili. Finalità

  • Formare il personale;
  • Acquistare e condividere materiali e sussidi di interesse    specifico;
  • Rilevare la situazione dell’integrazione scolastica dei disabili;
  • Offrire servizio di informazione attraverso uno    sportello.

Risorse I fondi per le attività e per gli impegni professionali sono deliberati di anno in anno dai Consigli di Istituto di ogni scuola    aderente.

 

Rete Biblioteche La Rete Scuole Trevigiane “Amico Libro” nasce a seguito del progetto promosso dal MPI conl’obiettivo di favorire la cultura del libro nelle scuole. Finalità

  • Raccordare le biblioteche scolastiche esistenti nel territorio
  • Riqualificare le biblioteche scolastiche
  • Raccordare le biblioteche scolastiche con la biblioteca comunale per ragazzi (BRAT)
Convenzione Programma “Frutta Nella Scuola”Il programma comunitario “Frutta nelle scuole”,introdotto dal regolamento (CE) n.1234/2007 del Consiglio del 22 ottobre    2007, è finalizzato a

  • aumentare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini
  • attuare iniziative che supportino più corrette abitudini alimentari e una nutrizione

maggiormente equilibrata, nella fase in cui si formano le loro abitudini alimentari. Alcune sedi di scuola primaria del nostro Istituto sono state individuate quale aderenti dallo stesso Ministero. La partecipazione comporta la distribuzione agli alunni di prodotti ortofrutticoli ed alcune misure di accompagnamento finalizzate ad elevare l’efficacia delle specifiche azioni previste dal Programma comunitario mediante una serie di correlate azioni di informazione e di sensibilizzazione come ad esempio la visita a fattorie didattiche e/o la creazione di orti scolastici, attività di giardinaggio e/o allestimento di laboratori sensoriali.

 

Convenzioni con Oxford School,L’isola Del Sorriso, Comunica, Una Casa Per L’uomo, Associazione Gulliver, ACLE TheatrinoLe Convenzioni hanno lo scopo di prevedere rapporti di collaborazione con  figure esterne quali lettori madrelingua, mediatori    culturali, esperti.
Le Convenzioni con Le Università I rapporti con le Università sono una delle fonti di miglioramento della qualità dell’offerta formativa sia per le scuole di tutto    l’Istituto che per gli studenti del CTP. Le Università degli Studi di Padova, di Udine, di Trieste e Veneziachiedono che le scuole dell’Infanzia e Primarie accolgano studenti dei Corsi di laurea in Scienze della Formazione, Scienze del Linguaggio, Mediazione Culturale, Fisioterapia e Scienze Motorie per le attività di tirocinio ed offrono alle scuole consulenza didattica ed organizzativa. L’ Istituto accoglie studenti tirocinanti in tutti gli ordini di scuola. Si collabora inoltre con alcune facoltà per la ricerca sul campo per lo studio dei diversi processi di apprendimento. Anche in questo caso la scuola trae profitto per meglio comprendere e sviluppare la propria azione educativa.
Le reti sono  previste dall’art.7 del DPR n.275\99, Regolamento per l’autonomia.

RETI E  REFERENTI DI ISTITUTO INCARICATO
RETEINFANZIA Amadio Simonetta
RETE DI STORIA Bandiera Maurizio
RETE CTI D’Urzo Laura, Giarrusso Salvatrice
RETE INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI (SCUOLA CAPOFILA) Pasqualon Paola
RETE BIBLIOTECHE Gagliardi Maria
RETE SICUREZZA Gavagnin Federico
RETE PRIVACY
RETE CTP Zanetti  Lino

I referenti sono  a disposizione per consulenze e colloqui relativi agli ambiti di loro  pertinenza su appuntamento