Infanzia Via San Bartolomeo

SCUOLA  DELL’INFANZIA DI VIA S. BARTOLOMEO

Via S. Bartolomeo, 47 – Treviso –  Tel. 0422 263185

La scuola, presente nel territorio dalla  fine degli anni ’70, è situata fuori le mura di Treviso, in zona verde, nelle  vicinanze di viale della Repubblica, di via Montello e di viale Luzzatti. La scuola accoglie 90 bambini/e dai tre  ai sei anni, Sezioni 4.

ORGANIZZAZIONE

  • La scuola è aperta dalle ore 8:00 alle ore 16:00  dal lunedì al venerdì.
  • L’articolazione  oraria delle insegnanti è flessibile per potenziare la compresenza e migliorare  la qualità dell’offerta formativa.
  • E’  offerta la possibilità del riposo pomeridiano.
  • Il  servizio mensa è gestito da ditte esterne incaricate dall’Amministrazione  Comunale.

SPAZI DELLA SCUOLA

  • L’edificio si sviluppa in un unico piano ed è formato da  tre corpi-sezioni indipendenti tra loro. Ogni corpo-sezione è composto da  un’aula grande, servizi igienici e un laboratorio.
  • L’edificio dispone di altri spazi comuni:
  • un salone polifunzionale
  • una sala da pranzo
  • una  palestra  attrezzata per le attività ludico-motorie al mattino e per il dormitorio al  pomeriggio
  • una biblioteca
  • un ambulatorio
  • un ampio giardino alberato   ed attrezzato che circonda l’edificio
  • E’ composta da 4 sezioni ( 3 aule  grandi e 1 vano/aula piccolo):
  • 1 salone d’ingresso spazioso ed accogliente
  • 1 palestra attrezzata
  • 1 vano/aula adibito a biblioteca
  • 1 vano/aula polifunzionale (attività  senso/percettive, travestimenti, lingua inglese …)
  • 1 sala da pranzo con cucina
  • 1 ambulatorio e 2 piccoli spazi educativi  polivalenti
  • ampio giardino attrezzato, vialetto d’ingresso.

PROGETTO DI SEDE:

Il  progetto di sede  prevede la costruzione  di un contesto-sfondo (rappresentato da un personaggio, un ambiente, una  favola… che di volta in volta stimola l’interesse nei bambini/e), nel quale  vengono programmati tempi e spazi, a volte con fruizione individuale a volte  guidata. I bambini/e sono organizzati in gruppi di sezione per età eterogenea e  durante la giornata scolastica hanno l’opportunità, grazie alla compresenza di  tutti gli insegnanti di svolgere attività per sottogruppi di sezione e attività  d’intersezione per piccoli gruppi di età omogenea. Ciò  permette di regolare le proposte nel rispetto  dei bisogni cognitivi e relazionali dei bambini e promuove la collaborazione e  la costruzione di competenze oltre che aiutare i bambini/e a rapportarsi a più  figure di riferimento e ad instaurare nuove   amicizie. Gli alunni sono coinvolti attivamente nell’organizzazione  degli spazi e individualizzati nei tempi; si favorisce il loro coinvolgimento  nella definizione delle regole, per creare un clima relazionale di  autorganizzazione. Vengono messi a disposizione strumenti e materiali per la  realizzazione di oggetti che concretizzano le esperienze di conoscenza fatte. L’insegnante  non si sostituisce ai bambini/e ma valorizza percorsi autonomi, adattando e  rivedendo la programmazione didattica in itinere.

Il progetto di sede varia di anno in anno e si articola nei seguenti  progetti:

  • Accoglienza:per favorire  nel bambino/a il passaggio dalla famiglia alla scuola in modo sereno e  tranquillo, rispettando i tempi di ciascun alunno.
  • Biblioteca:favorisce “ il piacere di leggere prima di  saper leggere”e prevede il prestito del libro come ponte relazionale ed  affettivo tra scuola e famiglia.

Il progetto unitamente con la scuola primaria I  Maggio prevede: l’informatizzazione del prestito, la gestione del  prestito da parte dei bambini e l’apertura della biblioteca al quartiere.

  • Inglese:   è rivolto ai bambini/edi 5/6 anni ed offre un’opportunità di scoperta e di approccio  alla nuova lingua
  • Progetto Continuita’, tra  scuola dell’infanzia/scuola elementare, che vede coinvolti tutti i bambini/e di  5/6 anni in attività di laboratorio con gli alunni delle scuole elementare.  Tali attività sono periodicamente programmate tra le insegnanti dei due ordini  di scuola.
  • Sicurezza:offre ai bambini/e uno stimolo per  lo sviluppo di comportamenti corretti e responsabili, individuali e di gruppo,  orientati ad intuire e a prevenire pericoli nella scuola e per strada.
  • Orto:mira ad avvicinare i bambini alla natura,  stimolandoli, attraverso esperienze di semina e coltivazione, ad osservare,  operare, aspettare, raccogliere ed assaggiare, incentivando così il consumo di  ortaggi indispensabili per la corretta alimentazione.

La  costruzione diMOMENTI DI FESTAvolti a creare il clima giocoso tra bambini e bambini e tra  bambini e genitori, nel quale si manifestano  le abilità e le conoscenze raggiunte sia relazionali, che cognitive;

USCITE DIDATTICHEper allargare gli  spazi di conoscenza al di fuori della scuola.

L’attività di religione cattolica segue  una programmazione didattica specifica stilata dall’insegnante, mentre le  attività formative, alternative alla religione cattolica, sono pensate e  realizzate in continuità con il progetto didattico generale. La sede aderisce, con attività specifiche  caratterizzanti la scuola dell’infanzia, ai seguenti progetti di Istituto (per  la descrizione dei quali si rimanda alla parte generale del POF):

  • La lingua per comunicare (Italiano Lingua 2)
  • Spostamento casa scuola (Pedibus)
  • Integrazione alunni con disabilità
  • Sicurezza in cattedra

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO D’INTERSEZIONE

SEZIONE INSEGNANTI GENITORI    RAPPRESENTANTI
A Dalla Croce Maria Giulia Cavallin Donatella Di Donato Cinzia
B Amadio Simonetta (insegnante part-time) Furlan Sara (insegnante part time) D’Auria    Maria Assunta Stevanato Ileana
C Rizzoli Alessandra Maio Paola Mattarollo Anna (insegnante di sostegno) De Iure Ada
D Dalla Pola Paola Gabbin Vania Visentin Massimo
Insegnante    di Religione Cattolica, Roncarolo Artigli Patrizia